Informazioni per i familiari


Se è indubbio che una malattia come la Depressione sia una esperienza dolorosissima per chi la subisce e’ certo anche per i familiari si tratta di una dura prova da superare.

Al dolore di vedere una persona amata soffrire psicologicamente in modo rilevante si aggiunge la frustrazione di non sapere come poterla aiutare, di non avere mezzi e modi per potersi rendere utile. Spesso la frustrazione di non riuscire capire come essere di utilita’ e’ davvero molto forte e, alla lunga, causa a sua volta di malessere psicologico.

Purtroppo, come abbiamo gia’ sottolineato in altre parti di questo sito, la Depressione, la vera Depressione, e’ una malattia vera e propria. L’umore, lo stato d’animo di chi ne soffre non e’ pertanto modificabile sostanzialmente con parole ed atteggiamenti dei familiari. Cio’ e’ vero soprattutto nelle fasi acute della malattia, quando la depressione e’ piu’ severa. Mentre magari quando il paziente comincia a migliorare qualche cosa si puo’ fare.

Pertanto, nelle fasi iniziali, l’impotenza per i familiari ed amici e’ grande.

Intanto e’ importante COSA NON DIRE. E’ normale avere la tentazione di “scuotere” il depresso, magari con forti insistenze e sollecitazioni eccessive. Sento quasi sempre frasi rivolte al paziente di questo tipo: “Devi farti forza, non ti stai aiutando, ti lasci andare, sei privo di volonta’!! Esci, stai in compagnia, smetti di compiangerti” Con l’unico risultato di avvilire ancora di piu’ il paziente, che gia’ si sente in colpa per non riuscire a fare nulla ed aggiungendo a demoralizzazione ulteriore sfiducia. Il paziente infatti non si sente compreso, si sente solo umiliato ed ancora piu’ oppresso dalla colpa. Oppure, peggio ancora:”Butta via tutte quelle medicine, non servono a nulla. Devi farcela con la tua sola forza di volontà’. Anche Tizio e Caio avevano la depressione, ce l’hanno fatta da soli!”

COSA E’ MEGLIO DIRE: “Certo, puo’ essere un brutto periodo, ma noi ti stiamo vicino e ti capiamo. Sappiamo che non dipende dalla tua volonta’ e che non riesci a fare a meno di sentirti cosi’. Ma e’ un periodo che, con cure e pazienza, passera’. Vedrai che guarirai e tornerai ad avere voglia di fare le cose ed ad apprezzare al vita”. Non aspettatevi che il paziente migliori o che sia in grado di credervi. Certamente vi sara’ grato e riconoscente.

Quindi aiutare il paziente ad accettare la malattia e soprattutto ad accettare le cure, i colloqui ed i farmaci, per non avvilirlo ulteriormente e fargli superare il periodo di latenza delle terapie. Spesso i farmaci infatti non agiscono se non dopo 20 od anche 30 giorni. Oppure a volte e’ necessario cambiare una terapia inizialmente poco efficace o che comporta qualche effetto collaterale sgradevole.

COSA FARE: purtroppo all’inizio della patologia, soprattutto se grave, ci sono poche cose da fare. Stare vicino alla persona sofferente e’ comunque importante. Anche la vostra semplice presenza, sopportando l’angoscia di una persona depressa e’ pero’ gia’ molto. Poi, man mano che migliora, e’ opportuno stimolarla con impegni progressivi ed alla sua portata, evitando stress eccessivi. E’ per esempio controproducente imporre impegni sociali troppo gravosi (ad es. feste o addirittura lavoro) a chi fatica anche ad uscire di casa!

Insomma non vi sono regole precise ma solo atteggiamenti e stimolazioni che variano. Non solo da persona a persona ma anche in base all’andamento della malattia in ogni paziente. Basatevi sulla vostra sensibilità’ ed eventualmente chiedete al terapeuta.

FONDAMENTALE: evitate assolutamente che una persona depressa prenda decisioni importanti di vita nel periodo di malattia, quali licenziamenti, vendite di immobili ecc. Spesso confonde i problemi di vita con la malattia e puo’ mettere in atto decisioni delle quali puo’ pentirsi amaramente una volta guarito!